Piano Triennale dell’Offerta Formativa e R.AV.


Il Piano Triennale dell’Offerta Formativa (PTOF) è un documento che viene elaborato da ciascuna Istituzione Scolastica, con la partecipazione di tutte le sue componenti.

Come previsto dalla  Lg 107  esso è il documento fondamentale costitutivo dell’identità culturale e progettuale dele Istituzioni Scolastiche ed esplicita la progettazione curricolare, extracurricolare, educativa e organizzativa che le singole scuole adottano nell’ambito della loro autonomia.  

Il PTOF è elaborato dal Collegio Docenti sulla base degli indirizzi generali per le attività della scuola, delle scelte generali di gestione e di amministrazione definiti dal Consiglio di Istituto, tenuto conto delle proposte e dei pareri formulati dagli organismi e dalle associazioni dei genitori e degli studenti. Al termine dell’iter il PTOF viene adottato dal Consiglio di Istituto e reso pubblico e consegnato alle famiglie all’atto dell’iscrizione.

Il Piano Triennale dell’Offerta Formativa viene elaborato tenendo conto del contesto ambientale entro cui si colloca l’Istituzione Scolastica, delle sue caratteristiche sociali, culturali e demografiche e – tra gli altri – illustra gli elementi peculiari che caratterizzano l’Istituto per quanto concerne:

le scelte culturali e pedagogiche che ne ispirano le iniziative 
le finalità educative
•  le proposte didattiche (sia curricolari che extracurricolari)
gli aspetti organizzativi e gestionali

le risorse previste per la realizzazione degli obiettivi
Nell’ottica dell’autonomia delle Istituzioni Scolastiche, il PTOF può dunque considerarsi come una vera e propria “carta di identità” dell’Istituto, e ne esprime le caratteristiche attraverso la descrizione di elementi quali, per esempio:   
azioni di continuità, orientamento, sostegno e recupero corrispondenti alle esigenze degli alunni concretamente rilevate 
articolazione modulare di gruppi di alunni provenienti dalla stessa classe o da classi diverse
modalità e criteri per la valutazione degli alunni e per il riconoscimento dei crediti
•  organizzazione adottata per la realizzazione degli obiettivi generali e specifici dell’azione didattica
•  progetti di ricerca e sperimentazione

icona file PDF il P.T.O.F. del Liceo “Simone Weil” per l’a.s. 2016/2019

icona file PDF R.AV. del Liceo “Simone Weil”

«Il ruolo dell’educazione è tutto qui. Che cosa significa educare? Significa proporre instancabilmente camelie sul muschio come diversivi alla pulsione della specie, la quale non si spegne mai e minaccia continuamente il fragile equilibrio della sopravvivenza. 

Io sono molto camelia sul muschio. A pensarci bene, nient’altro potrebbe spiegare la mia reclusione in questa tetra guardiola.

Convinta dell’inutilità della mia esistenza da sempre, avrei potuto scegliere la rivolta e, chiamando il cielo a testimone dell’iniquità della mia sorte, attingere alle risorse della violenza che si cela nella nostra condizione. 

Ma la scuola fece di me un’anima il cui destino vacuo poteva condurre solo alla rinuncia e 
alla clausura.

La meraviglia della mia seconda nascita aveva preparato in me il terreno al 
dominio delle pulsioni; poiché la scuola mi aveva fatto nascere, le dovevo fedeltà e quindi 
mi adeguai alle intenzioni dei miei educatori diventando docilmente un essere civilizzato.

In effetti, quando la lotta contro l’aggressività del primate si appropria di queste armi 
prodigiose che sono i libri e le parole, l’impresa è agevole: e così divenni un’anima istruita 
che attinge dai segni scritti la forza di resistere alla sua natura».

M. Barbery, L’eleganza del riccio.